John McAfee: le abitudini alimentari di un appassionato di criptovalute

Durante l’impennata dei prezzi record di Bitcoin (BTC) nel 2017, John McAfee, un eccentrico uomo d’affari inglese-americano, programmatore di computer e appassionato di criptovalute, ha fatto una dichiarazione audace a favore della criptovaluta molto popolare. Innanzitutto, ha dichiarato sul suo account Twitter (@officialmcafee) che, data l’attuale tendenza in cui si trovava Bitcoin, il prezzo della criptovaluta sarebbe raggiungere 500.000 USD entro il 2020. All’epoca, il prezzo di Bitcoin era di circa 3.000 USD e in aumento. Gli utenti dei social media hanno accettato rapidamente la scommessa, McAfee ha continuato dicendo quanto segue:

Tre mesi dopo, McAfee ha fatto un’altra previsione per Bitcoin, raddoppiando e affermando che il prezzo di un Bitcoin equivarrebbe a 1 milione di dollari entro il 2020. Naturalmente, la scommessa di mangiare il suo pene era ancora valida all’epoca. Questa dichiarazione è diventata così popolare che è stato creato un sito Web per monitorare i progressi, giustamente chiamato the Dickening.

A gennaio 2020, tuttavia, McAfee ha capitolato e ha dichiarato su Twitter di aver appena fatto la dichiarazione a a bordo di nuovi utenti e che ha funzionato. È persino arrivato al punto di dichiarare obsoleto Bitcoin, rinunciando del tutto a BTC a favore di Ethereum. Ma chi è John McAfee e perché la sua opinione ha un impatto nel mondo delle criptovalute? ChangeNOW esamina la vita colorata dell’uomo che ha puntato il suo pene sul successo di Bitcoin.

L’ascesa di John McAfee

Nato nel Regno Unito e cresciuto in Virginia, USA, John ha avuto un’infanzia piuttosto turbolenta. Suo padre era un alcolista violento e in seguito si suicidò quando John aveva 15 anni. Questa esperienza traumatica lo aveva segnato per tutta la vita, al punto da svegliarsi con l’orribile ricordo ogni mattina. Nonostante questa esperienza, McAfee non è rimasta immune al fascino del liquore. Mentre studiava al Roanoke College, le sue esperienze alcoliche divennero famose, anche se per il resto era uno studente brillante e un promettente imprenditore. La prima piccola fortuna di McAfee proveniva da un’azienda che vendeva giornali porta a porta.

Visualizza questo post su Instagram

Brutta giornata per i capelli

Un post condiviso da John McAfee (@officialjohnmcafee) il 16 aprile 2019 alle 6:18 PDT

John McAfee è meglio conosciuto come il fondatore di McAfee Associates e ha guidato l’azienda dal 1984 al 1994. McAfee Associates è riuscita a creare il primo software antivirus per uso commerciale, un programma molto popolare chiamato McAfee. Uno dei motivi principali per cui il software antivirus è stato ampiamente adottato è la minaccia di un virus chiamato Michelangelo. Nel 1996, John McAfee ha venduto le sue azioni in McAfee Associates per circa 100 milioni di dollari, due anni dopo che la società è diventata pubblica.

Dopo le sue dimissioni da McAfee Associates, McAfee ha mantenuto un profilo piuttosto basso. Dava consigli a giovani startup, insegnava alla Stanford Graduate School of Business e lavorava anche su altri progetti. Ha lavorato in una società di social network chiamata PowWow attraverso la società madre Tribal Voice, anche se non ha avuto molto successo. Ha anche investito e si è unito al consiglio di amministrazione di Zone Labs. Hanno sviluppato un software firewall che è stato successivamente acquisito da Check Point Software.

Prendendo una flessione

Il patrimonio netto di McAfee ha subito una flessione durante la crisi finanziaria del 2008. Disse CNN Money nel 2014 che “solo una piccola frazione dei suoi 100 milioni di dollari una tantum è sopravvissuta al crollo del mercato del 2008”. Ha detto che ha investito in diversi immobili di fascia alta. È stato stimato che il suo patrimonio netto è passato da circa 100 milioni di dollari a solo circa 4 milioni di dollari dal 2007 al 2008. Ma questa non è stata la fine dei guai finanziari per McAfee.

Dopo aver perso una grossa somma del suo patrimonio netto nel 2008, McAfee ha deciso di vendere la maggior parte delle sue attività immobiliari rimanenti e trasferirsi in Belize alla fine degli anni 2000. Lì, insieme a un microbiologo di nome Allison Adonizio, ha avviato una società chiamata Quoromex. La loro speranza era quella di produrre antibiotici commerciali completamente naturali basati sulla tecnologia di rilevamento anti-quorum.

Visualizza questo post su Instagram

Fatti fare i capelli

Un post condiviso da John McAfee (@officialjohnmcafee) il 26 settembre 2016 alle 16:47 PDT

Ma le cose non sono andate esattamente come previsto. Durante la sua permanenza in Belize, John iniziò a credere di essere costantemente seguito, mostrando chiari segni di paranoia. Consumato da questa paura e sentendosi demotivato, visitava lo stesso bar ogni giorno, osservando le persone che andavano e venivano e smettendo di fare qualsiasi altra cosa utile. Sei mesi dopo, non era più coinvolto in Quoromex.

Dopo tutto ciò, sarebbero iniziate le questioni legali. Quando il suo vicino ha avuto un incidente in cui gli hanno sparato, la polizia locale sospettava che McAfee fosse coinvolto. Questo lo ha portato a fuggire dal paese. Il governo ha fatto irruzione nel suo complesso nella giungla e ha sequestrato tutti i beni all’interno della residenza. Gli edifici della proprietà di McAfee in seguito sono stati bruciati per motivi sconosciuti.

In seguito è stato arrestato in Guatemala, essendo stato ingannato da un’intervista di Vice, che includeva foto che erano in grado di determinare la sua posizione precisa. Dopo che la polizia è riuscita a localizzare McAfee, è stato poi deportato negli Stati Uniti.

Da quando è tornato negli Stati Uniti, McAfee si è impegnato in diverse iniziative. Ha persino lanciato il suo cappello nella corsa presidenziale degli Stati Uniti del 2016, inizialmente sotto la recente formazione Festa cibernetica.

Visualizza questo post su Instagram

La scelta è ovvia #mcafee2016 #juddweiss

Un post condiviso da John McAfee (@officialjohnmcafee) il 18 maggio 2016 alle 13:03 PDT

Alla fine si è trasferito per unirsi al Partito Libertario ed è stato considerato un favorito insieme a Gary Johnson. Inutile dire che la sua offerta per la Casa Bianca non è andata molto bene. Dopo aver perso la nomination del partito, Mcafee ha rifiutato di sostenere la campagna di Gary Johnson.

Nel mondo delle criptovalute

Nel maggio 2016, McAfee è stato nominato amministratore delegato e CEO di MGT Capital Investments, una holding tecnologica. McAfee ha cambiato l’attenzione di MGT dal social gaming alla sicurezza informatica, affermando in un’intervista che il software antivirus tradizionale è morto e che il nuovo paradigma è che l’hacker deve essere fermato prima di entrare e potenzialmente causare gravi danni.

McAfee ha anche spostato MGT nell’estrazione di Bitcoin e altre criptovalute, affermando che era destinato sia a fare soldi per l’azienda sia ad aumentare l’esperienza di MGT nel trattare con la tecnologia blockchain, che riteneva fosse importante per la sicurezza informatica. Nell’agosto 2017, McAfee si è dimesso da CEO, servendo invece come capo visionario della sicurezza informatica di MGT. Nel gennaio 2018 ha lasciato del tutto l’azienda. Entrambe le parti hanno dichiarato che la decisione è stata amichevole, con McAfee che ha affermato di voler trascorrere tutto il suo tempo sulle criptovalute. Ad ogni modo, la società ha anche affermato di essere stata messa sotto pressione da potenziali investitori per dissociarsi da McAfee.

John McAfee ha iniziato ad accettare pubblicamente importi di 105.000 USD in cambio di tweet che promuovono criptovalute nel 2018.

Ha affermato di aver ricevuto le tasse già da oltre sei mesi nel momento in cui ha condiviso le informazioni. McAfee ha anche menzionato uno studio di terze parti creato da Vice che ha scoperto che i suoi tweet promozionali hanno portato a guadagni di prezzo delle criptovalute a breve termine tra il 50% e il 350%. Questo non è stato accolto molto bene dalla maggior parte degli appassionati di criptovalute.

Ad agosto 2019, McAfee è stata coinvolta in una dubbia disputa con il South China Zombie Research Center (SCZRC). Erano gli sviluppatori dietro la Zombie Coin, una ingannevole offerta iniziale di monete che ha pagato a McAfee 4,5 milioni di dollari per redigere il suo whitepaper e promuovere il suo ICO. Dopo aver pagato McAfee in anticipo, ha abbandonato il progetto e ha dichiarato che si trattava di uno “shitcoin” e di una truffa, il che ha spinto SCZRC a minacciarlo con una causa da 100 milioni di dollari.

John McAfee va avanti

Per non scoraggiarsi dal suo tentativo fallito nel 2016, McAfee ha annunciato la sua seconda candidatura per le elezioni presidenziali del 2020. Questa volta correndo sotto il Partito Libertario, è passato avanti e indietro dalla posizione presidenziale alla posizione di vicepresidente e viceversa. Alla fine, non è stato nominato dal partito in alcun modo.

Più di recente, McAfee ha annunciato che sta lavorando a una privacy coin chiamata Fantasma. Lanciato il 25 maggio, è una moneta per la privacy che ti aiuta a renderti nient’altro che un “fantasma” durante il trading di criptovalute. È negoziabile contro le principali criptovalute tramite atomic swap sulla piattaforma di trading decentralizzata McAfeeDex. Diversi appassionati di criptovaluta hanno paragonato la sua impresa a quella di Monero, anche affermando che Ghost è una truffa che non offre praticamente nulla di diverso ai nuovi utenti.

Che ti piaccia o meno McAfee, che lo consideri un genio o un pazzo, è difficile non sostenere che John McAfee crea ondate in qualsiasi settore in cui viene coinvolto. Se avrà un effetto positivo sulle criptovalute a lungo termine, resta da vedere. Tutto quello che sappiamo per certo è che sembra che per il momento si aggrapperà a tutte le parti del suo corpo.